Il foglio bianco

Diceva un foglio bianco come la neve:
“Sono stato creato puro e voglio rimanere così per sempre.
Preferirei essere bruciato e finire in cenere
che essere preda delle tenebre e venir toccato da ciò che è impuro”.

Una boccetta di inchiostro sentì ciò che il foglio diceva
e rise nel suo cuore scuro, ma non osò mai avvicinarsi.
Sentirono le matite multicolori,
ma anch’esse non gli si accostarono mai.

E il foglio bianco come la neve
rimase puro e casto per sempre,
puro e casto ma vuoto.

Kahlil Gibran