La saga di Twilight

Nel 2004 un agente letterario di New York segnala il manoscritto di Twilight al produttore Greg Mooradian, che a sua volta, fa notare la potenzialità della storia al presidente di produzione della Paramount MTV Films, Karen Rosenfeld, che decide di ingaggiare uno sceneggiatore per cominciare la prima stesura del film.
Nell’aprile del 2004, la Rosenfeld perde il ruolo di presidente di produzione alla Paramount e il progetto di Twilight viene accantonato, fino all’arrivo di una nuova amministrazione.

Nel frattempo il libro diventa un best-seller in tutto il mondo, cominciando a suscitare la curiosità del pubblico e dei vari produttori indipendenti.

Una delle prime case di produzione a notare questo fenomeno è la Summit Entertainment. Al presidente della Summit, Erik Feig, che è alla ricerca di un progetto da sviluppare, viene segnalato che alla Paramount MTV Films stanno per scadere i termini per i diritti di Twilight. Feig, sotto consiglio della Rosenfeld, si assicura i diritti per la pellicola nel febbraio del 2006.

E così ha inizio la Saga di Twilight cinematografica.

 

TWILIGHT – il film
di Catherine Hardwicke
USA, 2008

dalla recensione di Marianna Cappi

La regista di Thirteen Catherine Hardwicke e la sua squadra portano sullo schermo il primo dei best-sellers di Stephenie Meyer dedicati ad un mito imperituro per definizione.
Dopo che Coppola l’aveva condotto in città, rendendolo ad un tratto moderno, Twilight riporta il vampiro nella natura, nei meravigliosi panorami dell’Olympic Rain Forest, ricollocando il desiderio primordiale in una sorta di giardino edenico in cui c’è già la colpa ma non c’è ancora il peccato.

Edward e Bella hanno diciassette anni e non potrebbero avere un’altra età. Sono sulla soglia — simbolica — della maturità, sul confine tra il mondo della fantasia e quello della realtà. “Non può essere vero”, dice lei. “Nel mio mondo lo è”, risponde lui. (articolo completo e trailer)

Fonte: mymovies.it

Curiosità: Durante il lancio pubblicitario del film, il settimanale americano Entertainment Weekly pubblicò, il 14 luglio 2008, una copertina con i due protagonisti Kristen Stewart e Robert Pattinson truccati nei loro rispettivi ruoli di Bella Swan ed Edward Cullen.
La copertina della rivista fece scatenare, nei milioni di fan della saga sparsi in tutto il mondo, un’ondata di protesta per la scelta dei due attori protagonisti. La foto infatti ritraeva Pattinson e Stewart truccati pesantemente che non rispecchiavano affatto le aspettative e le descrizioni dei personaggi del libro.
La protesta si estese principalmente alla scelta di Robert Pattinson, facendo nascere dei veri e propri comitati anti-Pattinson con tanto di richiesta on-line per annullare l’ingaggio dell’attore…
La colonna sonora racchiude diversi musicisti. Tra questi, il gruppo dei Paramore e l’ex frontman dei Jane’s Addiction, Perry Farrell, sono stati gli unici a scrivere le loro canzoni, esclusivamente per il film. La ninna nanna di Bella è composta dal musicista Carter Burwell, autore di altre grandi colonne sonore per film come Velvet Goldmine e Il grande Lebowski, entrambi film del 1998.

Fonte: wikipedia

 

NEW MOON – Il film
di Chris Weitz
USA, 2009

dalla recensione di Marianna Cappi

New Moon, il secondo capitolo della saga di Twilight, scosta le tende del sipario e la rivela per quel che realmente è, ovvero una rappresentazione dell’amore romantico, l’allestimento di una fiaba, dove Bella è l’eroina contesa e in pericolo costante, Edward il principe vittima di un crudele incantesimo e il “per sempre” è il finale scritto in partenza, non in uno ma in multipli modi. Passando per il richiamo esplicito a “Romeo e Giulietta” e approdando alla scenografia trionfale e al costume della sequenza presso i Volturi, all’interno della “ricostruzione” per la festa di S. Marco, Chris Weitz anziché abbigliarla di fatto spoglia la saga di Twilight delle sue coperture (il college-movie, il “mistery”) e ne espone lo scheletro. (articolo completo e trailer)

Fonte: mymovies.it

Curiosità: Il film ha ricevuto critiche molto negative dalla gran parte dei critici cinematografici in Italia.
La pellicola è stata nominata per i Razzie Awards 2010 nelle categorie: peggior attore non protagonista nominata a Robert Pattinson; per la peggior coppia sullo schermo, nomination condivisa tra lo stesso Pattinson, Kristen Stewart e Taylor Lautner; per il peggior sequel e per la peggior sceneggiatura a Melissa Rosenberg.
Oltre al tema musicale orchestrale affidato al musicista francese Alexandre Desplat, nella colonna sonora si alternano diversi musicisti alcuni dei quali hanno composto brani esclusivamente per il film. Tra questi, il gruppo musicale americano Death Cab for Cutie con il brano Meet Me on the Equinox; ci sono brani di Thom Yorke, leader dei Radiohead, Muse, Band of Skulls e Bon Iver. Quest’ultimo è stato uno degli artisti che ha composto un pezzo inedito appositamente per il film.

Fonte: wikipedia

 

ECLIPSE – Il film
di David Slade
USA, 2010

dalla recensione di Marianna Cappi

È il turno di David Slade. Il britannico entra sulla scena della saga-fenomeno di Twilight con passo sicuro e un teaser d’effetto. Promette azione, brivido, batticuore, al passo con un terzo capitolo denso, che sul fronte cartaceo ha fatto incetta di consensi e che del crepuscolo illumina il lato umano, non quello delle creature che si risvegliano col buio ma quello dell’addio al calore del sole. (articolo completo e trailer)

Fonte: mymovies.it

Curiosità: Il film ha ricevuto critiche negative da molti critici cinematografici in Italia, come i due capitoli precedenti. Stephenie Meyer, autrice della saga, ha dichiarato il suo scetticismo nel riuscire a contenere l’intero ultimo romanzo in un unico film, dato che Breaking Dawn è il libro più lungo dell’intera saga.

Fonte: wikipedia

 

BREAKING DAWN – Il film (parte 1)
di Bill Condon
USA, 2011

dalla recensione di Marianna Cappi

Sulla saga della Bella e delle bestie la Meyer ha versato fiumi d’inchiostro, solo “Breaking Dawn” conta più di 700 pagine, ma occorre essere onesti e dare al cinema il merito di aver senza dubbio migliorato la carta, che quanto a stile lascia a dir poco a desiderare. Per il capitolo finale, la regia passa a Bill Condon, che non fa sfoggio di virtuosismi ma bada alla storia e traghetta quelli che solo due anni fa erano liceali ai primi sospiri verso un’età improvvisamente adulta, fuori dalla famiglia d’origine dentro una famiglia creata in autonomia e antropologicamente mutata. (articolo completo e trailer)

Fonte: mymovies.it

BREAKING DAWN  – Il film (parte 2)
di Bill Condon
USA, 2012

dalla recensione di Marianna Cappi

La seconda parte di Breaking Dawn chiude (per ora) una delle saghe cinematografiche più fortunate e famigerate di questi anni, responsabile di fenomeni di fanatismo e di interrogazioni sociologiche che sono andati ben oltre i confini del testo e del mezzo di partenza, a dimostrazione del fatto che i bestsellers di Stephenie Meyer, in primo luogo, e la cassa di risonanza fornita dai film, poi, hanno indovinato una domanda inconscia e un sotterraneo esprit du temps, che è emerso in superficie potente e contagioso.
Spogliato della sua dimensione storica, il mito del vampiro è riletto qui in chiave esclusivamente romantica e fornisce una dimensione concreta alla chimera amorosa per eccellenza, ovvero quella del “per sempre”, in questa vita e nell’altra (concreta nella finzione, naturalmente, ma è un filtro che tende a cadere, se non altro per il tempo della lettura o della visione).

(articolo completo e trailer)

Fonte: mymovies.it

Curiosità: Il film ha ricevuto critiche negative dalla gran parte dei critici cinematografici in Italia e nel mondo, come anche per gli altri capitoli della saga negli anni passati. Infatti, anche negli Stati Uniti il voto globale degli utenti non è sufficiente. La pellicola riceve undici nomination alla 33ª edizione dei Razzie Awards, come i precedenti film della saga. Quest’anno però è il film più nominato. Twilight Saga: Breaking Dawn – Parte 2 è inoltre il quarto film nella storia dei Razzies a ricevere più candidature di quante siano le categorie e si è aggiudicato sette premi.

Come per gli altri film della saga, nonostante la critica, la pellicola ha registrato notevoli incassi.

Fonte: wikipedia

 

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Isabella Marie Swan nata il 13 settembre 1987 è la figlia di  Renée e Charlie Swan.
Dopo la separazione dei genitori Bella va a vivere con la madre. Ma quando Renée ha un nuovo compagno di comune accordo decidono che Bella andrà a vivere con il padre a Forks, anche se non ne è molto entusiasta. Lì conoscerà il misterioso Edward Cullen da cui si sente fin da subito attratta.

Edward Anthony Masen Cullen, nato il 20 giugno 1901 a Chicago. Ammallatosi di influenza spagnola, a soli diciassette anni è in fin di vita quando avviene la sua trasformazione in vampiro. Entra così come figlio adottivo, a far parte di una famiglia del tutto singolare… Come singolare è la sua capacità di leggere nel pensiero di tutti… tranne quello di Bella.

Jacob Black è figlio di Billy Black, un’anziano della tribù Quileute amico del padre di Bella, della quale è segretamente innamorato.
Scopre la sua natura di licantropo quando in città arrivano dei vampiri decisamente diversi dai Cullen.

Charlie Swan, padre di Isabella Swan è il capo della polizia a Forks.
Sposatosi in giovane età, il matrimonio non è destinato a durare.

 

Renée Dwyer, la madre di Bella ha un carattere fragile e instabile, il clima della piovosa Forks certo non l’aiuta. Dopo la separazione si trasferisce con Bella nella soleggiata Phoenix. Il suo nuovo compagno è un giocatore di baseball ed è continuamente in trasferta. Per permetterle di seguirlo Bella si trasferisce dal padre.

Esme Cullen è la moglie del dottor Cullen e madre adottiva di Edward. La sua trasformazione avviene in seguito a un tentativo di suicidio.
Dal carattere docile, il suo è un amore materno incondizionato per i suoi figli adottivi.

Carlisle Cullen nato a Londra nel 1643 è figlio di un pastore anglicano che da la caccia a lupi mannari, streghe e vampiri. La sua trasformazione avviene durante uno scontro con un vampiro. Cerca di togliersi la vita non accettando la sua nuova condizione ma è impossibile. Non volendosi cibare di sangue umano, decide di cacciare gli animali.
A Forks è lo stimato medico dell’ospedale. Durante i suoi studi, conosce in Italia un’antica e nobile stirpe di vampiri: i Volturi.

Mary Alice Brandon Cullen fin da piccola ha lo straordinario potere di prevedere gli avvenimenti futuri. Questo è una vera maledizione per lei, quando ha la visione della morte della madre e poi anche la sua per mano del padre. Le sue sono “stranezze” che la portano ad essere rinchiusa in un manicomio dove avverrà la sua trasformazione.
In una visione vede Jasper che incontrerà in una tavola calda, inizierà così il loro viaggio insieme che, Alice, sa li porterà ad arrivare nella famiglia Cullen.

Jasper Whitlock Hale nel 1863 sta tornando a casa dopo aver combattuto all’età di 20 anni nella Guerra civile americana, quando sulla sua strada incontra tre affascinanti donne di eterea bellezza. Sono in attesa di un giovane da poter trasformare e sfruttare a loro piacimento per creare un esercito di vampiri. Inizia così una serie di lotte contro i vari clan di vampiri sparsi in tutto il Texas.
La sua esistenza cambia quando incontra Alice, e nel 1950 diventano parte della famiglia Cullen. Al suo cognome viene aggiunto Hale quando nella famiglia entra Rosalie Hale, essendo molto simili i coniugi Cullen pensano di farli passare come gemelli.
Jasper ha qualche difficoltà a “controllare la sua sete”, Alice lo aiuta a controllarsi e a lavorare sul suo potere nel saper controllare le emozioni altrui.

Rosalie Lillian Hale Cullen nasce a Rochester nel 1915 da una famiglia benestante. Sin da piccola è la ragazza più bella della città, il suo sogno è quello di trovare l’amore e crearsi una famiglia. Il destino vuole che incontri un giovanotto dai modi gentili che la corteggia, e di lui lei si fida.
Ma una sera insieme a degli amici tutti ubriachi questi svela la sua vera natura, e Rosalie subisce uno stupro e viene abbandonata sul ciglio della strada. È il giovane dottor Cullen a soccorrerla ed essendo sul punto di morte non esita a trasformarla. Al gruppetto dei delinquenti Rosalie, assetata di vendetta e in abito da sposa serberà un bel trattamento ad uno ad uno, tenendo per il ultimo il suo amato Royce King. Dopodichè chiude con il passato e inizia la sua nuova vita.

Emmett McCarty Cullen viene trovato dalla nuova Rosalie in un bosco dove un’orso lo sta sbranando. È in fin di vita, ma lei decide di portarlo da Carlisle che lo trasforma. Emmett entra così a far parte della famiglia Cullen, la sua caratteristica è una grande forza fisica che lo rende imbattibile, ma ha qualche problema a nutrirsi di sangue di animali come tutti gli altri componenti della famiglia. Ma con lui c’è Rosalie che l’aiuta e diventerà sua moglie.
Emmett a differenza degli altri fratelli adottivi è molto muscoloso, alto 1,95, e con una forza che supera tutti i componenti della famiglia.
Ebbe comunque qualche problema ad adattarsi alle regole dei vampiri, infatti per un periodo non fu “vegetariano” ma si cibò di sangue umano.

Billy Black, figlio di Ephraim Blackil è l’ultimo capo dei Quileute,  un popolo nativo americano, e come Harry Clearwater è uno degli anziani della discendenza dei licantropi. Nato e cresciuto nella riserva a LaPush è uno dei migliori amici di Charlie Swan, padre di Bella. Oramai vedovo e bloccato su una carrozzina, viene accudito dal figlio Jacob.
Egli è a conoscenza della vera natura di Edward, tra la sua tribù e i Cullen esiste un patto centenario di coesistenza: fintanto che i Cullen non avrebbero morso un umano la tregua sarebbe durata.

Sam Uley, è il giovane capo dei licantropi di La Push. Prima di scoprire la sua vera natura egli aveva una relazione con Leah Clearwater che incontrò non poche difficoltà non potendo rivelarle ciò che era divenuto. Il colpo di grazie avviene quando Sam ha il suo imprinting con Emily, la cugina di Leah.

Emily Young, è la fidanzata di Sam, il quale non può stare lontano da lei. Il suo viso è sfigurato dalle cicatrici involontariamente causatele da Sam durante una sua trasformazione. Nonostante ciò si prende cura di ogni membro del branco.

Altri licantropi sono: Quil Ateara, Embry Call, Paul Lahote, Jared Cameron

Leah Clearwater, sorella di Seth, è l’unico membro femminile del branco. Non riesce ad accettare l’idea di aver perso Sam, il suo continuo contatto con il capo-branco non le permette di voltare pagina una volta per tutte. Per questo è diventata scontrosa con tutti, ad alimentare ulteriormente ciò è il fatto che non può più procreare in seguito alla sua trasformazione.

Seth Clearwater, è il fratello minore di Leah e si distingue nel branco di licantropi per il colore sabbia del suo manto. Stringe un forte legame con Edward  che descrive la sua mente come una delle più pure e oneste che abbia mai sentito.

Alcuni compagni di classe sono: Eric Yorkie che l’accoglie il primo giorno, Angela Weber il cui padre è il reverendo di Forks, Jessica Stanley chiacchierona per natura è la sua prima amica a Forks, Mike Newton il bello del gruppo, un po’ vanesio, che ci prova subito con Bella.

James, nato verso la fine della Rivoluzione americana, intorno al 1780. È un vampiro assetato di sangue, un vero segugio che fiuta a distanza la presenza di un umano.
Durante una delle sue cacce incontra Victoria che diventa la sua compagna e quando si unisce a loro anche Laurent formano un clan fortissimo.
James è molto acuto e ama le sfide, specie quella che s’innesca con Edward dopo che ha fiutato l’odore irresistibile del sangue di Bella.

Victoria   è una vampira che ha la capacità di dileguarsi in un nanosecondo. E la compagna di James e come lui quando fissa una preda non la molla più. Arriva pure a organizzare un piccolo esercito per vendicarsi.

Laurent, nato nel Texas nel 1467 per necessità si unisce al clan di James, ma diversamente dai due lui non è disposto a tutto. Abbandona il clan e mette in guardia i Cullen dalla subdola crudeltà di James e Victoria. Quindi si trasferisce a Denali in Alaska con la speranza di potersi unire a un gruppo di vampiri amici dei Cullen. Qui lega in modo particolare con Irina, una delle sorelle di Tanya. Ma il nutrirsi del solo sangue di animali per Laurent è troppo, e sente forte il richiamo di quello umano.

Aro, è il leader dei Volturi che si diletta a collezionare  vampiri dai superpoteri. Ha una mente subdola e calcolatrice e cela dentro di sè una certa malvagità mascherata da un’apparente affabilità. Il suo potere è di conoscere tutto su una persona soltanto toccandola.

Caius, invece, è un Volturo estremamente aggressivo ed ha una politica draconiana (rigida e severa).

 

Marcus, è il terzo membro degli anziani e appare perennemente annoiato da tutto. Nel trio dei Volturi è quello meno propenso a prendere decisioni e più che al potere, ambisce a un’esistenza tranquilla.

Jane, dal carattere aggressivo e arrogante, ha un aspetto minuto e infantile. La sua abilità è saper infliggere con il solo sguardo un dolore lancinante nella mente altrui. Il suo ruolo nel clan è molto influente, in assenza degli anziani è lei la leader e sa essere molto crudele.

Alec, è il fratello di Jane e possiede il potere di agire sulla mente inibendo i sensi tramite una nebbia perlacea e sottile non ostacolabile da barriere fisiche. Rende le proprie vittime totalmente inermi, incapaci di percepire ciò che li circonda.

Altri Volturi sono: Felix, membro della guardia aggressivo e dotato di una forza mostruosa pari a quella di Emmet Cullen, e Demetri, è un segugio simile a James ma più abile infatti non segue la scia di odore della vittima bensì la scia dei pensieri.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.