Una probabilità su cento

Una probabilità su cento di attacco nucleare o batteriologico con l’antrace o, che Dio ci aiuti, con un virus come il vaiolo, e avremo duecento milioni di americani morti da gestire.

dal film W. (2008)

L’ANTRACE

L’Antrace, detta anche “Carbonchio”, è un’infezione causata dal batterio gram positivo Bacillus anthracis che di solito interessa cute, polmone o tubo digerente. È una malattia potenzialmente letale diffusa all’uomo in particolare da mucche, capre e pecore infetti. Batteri inattivi (spore) possono sopravvivere nel terreno e nei prodotti animali (come le lana) per decenni e non vengono uccisi facilmente nè dal freddo nè dal calore. Perfino un minimo contatto è probabile che determini l’infezione. Sebbene nell’uomo l’infezione si verifichi di solito attraverso la cute, può anche scaturire dall’inalazione di spore o dall’ingestione di carne contaminata e poco cotta. L’infezione non si trasmette da soggetto a soggetto.

Per approfondire: Antrace – Carbonchio – informazioni generali

GUERRA BIOLOGICA E BIOTERRORISMO

Per guerra biologica s’intende l’uso di agenti microbiologici per scopi ostili.
Tale uso è vietato dalle Leggi internazionali e, in realtà, è stato adottato di rado durante le ultime guerre, malgrado nel XX secolo la maggioranza delle superpotenze abbia provveduto a un’intensa preparazione e a un esteso accumulo (stoccaggio) di agenti biologici. Attualmente i Paesi NATO hanno eliminato le armi biologiche. Si ritiene che altri paesi siano in grado di scatenare una guerra biologica, per diverse ragioni, tra cui una dubbia efficienza militare e la minaccia di importanti ritorsioni, gli specialisti considerano improbabile l’impiego di agenti biologici nelle guerre.

Gli agenti biologici potenziali oltre all’antrace sono la tossina botulinica, la brucella, i virus encefalici, i virus della febbre emorragica (Ebola e Marburg), la peste, la tularemia e il vaiolo. Essi sono tutti potenzialmente letali e possono essere trasmessi in modo diretto, eccetto l’antrace e la tossina botulinica.

La minaccia di uso di agenti batteriologici crea un’estrema ansia collettiva, che può essere considerata uno degli obiettivi principali di un gruppo terrorista.

Testo di riferimento: Il manuale della salute per tutta la famiglia – Merck, Raffaello Cortina editore, Springer 2004

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.