Le piccole premure, le stesse preoccupazioni

Pensò che rimaneva solo questo, che tutto l’affetto dei genitori si risolve in piccole premure, nelle stesse preoccupazioni che i suoi elencavano al telefono ogni mercoledì: il mangiare, il caldo e il freddo, la stanchezza, a volte i soldi. Tutto il resto giaceva come sommerso a profondità irraggiungibili, in una massa cementificata di discorsi mai affrontati, di scuse da fare e da ricevere e di ricordi da correggere, che sarebbero rimasti tali.

Paolo Giordano da La solitudine dei numeri primi, 2008

 

*Immagine Pixabay.com

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.