L’acqua, la solidarietà e l’amore per la terra

L’Acqua e i 5 Sensi


(PlacidaMano ©Fabs)

22 Marzo – Giornata Mondiale dell’Acqua

Mi piace guardarla, l’acqua;
amo vederla scorrere, osservarne i riflessi, le variazioni di forma
E’ il simbolo stesso dell’esistenza, un fluire continuo,
un continuo cambiamento: è il Divenire.

E proprio come simbolo d’élan vital,
mi piace sia quando è limpida, pura, e infonde allegria,
sia quando è torbida, scura, e suggerisce tristezza.

Mi piace ascoltarla, l’acqua;
quando scroscia violenta dal cielo o da una rupe in forma di cascata;
quando romba cupa nei fiumi in piena o nella marina in burrasca.
Quando  sussurra con lo sciacquìo monotono e tranquillo dell’onda calma
che si scioglie sulla riva col ritmo d’una ninnananna.

Mi piace odorarla, l’acqua; ciascuna ha un aroma particolare.
Pungente quello del mare, dolce quello del lago,
vitale quello dei torrenti e della pioggia,
malinconico quello degli stagni.

Mi piace gustarla, l’acqua;
nel sentirla fresca e dolce entrare in me quando la bevo,
immagino davvero di tramutarmi in quel “cespite dell’erba inaridita” di manzoniana memoria,
che riprende vita al contatto della rugiada.

E infine mi piace toccarla, l’acqua;
per me nata sotto il segno del Cancro è elemento naturale.
Sin da bambina è stata un’attrazione irresistibile; non riuscire a starne lontana, mai.
Sentire sempre il bisogno di immergervi le mani, o solo di sfiorarla.
Ancora oggi, quando mi tuffo in lei,
mi sembra d’essere accolta in un abbraccio materno.
Mi sento finalmente a casa.

© Mitì Vigliero
22 marzo 2011

Kirikù e la strega Karabà

Una suggestiva fiaba africana tradotta in immagini dal regista francese, vissuto in Guinea, Michel Ocelot. Kirikù e la strega Karabà colpisce lo spettatore sia per la qualità grafica che per il profondo contenuto morale.

Kirikù e la strega Karabà, recensione del lungometraggio

di Agostino Petrillo

Regione Lombardia
Direzione Generale Cultura

Progetto “Lombardia Cinema Ragazzi”

Materiali didattici


Bombardare la terra intera con argilla e semi

Un idea stupenda figlia degli insegnamenti del maestro Fukuoka, celebre fitopatologo giapponese pioniere dell’agricoltura naturale, autore de “La rivoluzione del filo di paglia”, un testo che ha ispirato un’intera generazione, stimolando una nuova concezione della pratica agricola, e del suo allievo Panos Manikis, esperto greco di agricoltura naturale conosciuto ed apprezzato a livello europeo, è bombardare la terra con carlinghe di aerei caricate a palline di argille contenenti semi di piante.
Sentite come racconta la faccenda dell’argilla il greco Panos.

Sig. Manikis può dirci qualcosa di più sulla pratica di “seminare” le palline d’argilla?

SALUTI E… PALLINE D’ARGILLA

di Paolo Tasini
19 dicembre 2007

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.