Presumere di capire e giudicare

Viaggiare è una scuola di umiltà,
fa toccare con mano i limiti della propria comprensione,
la precarietà degli schemi e degli strumenti
con cui una persona o una cultura presumono
di capire o giudicano un’altra.

Claudio Magris, L’infinito viaggiare