Lettera a mio figlio sulla felicità

Ascolta sempre la voce del cuore, Daniel:
sarà lui a dirti chi sei.

Il messaggio d’amore più dolce: la lettera di Sergio Bambarén a suo figlio. Per anni, Sergio Bambarén ha girato il mondo in cerca di una serenità all’apparenza irraggiungibile, spinto dal vento irrequieto del suo animo. Poi, proprio quando crede di aver finalmente conquistato l’equilibrio da sempre desiderato, ecco che arriva un figlio a sconvolgere ogni sua certezza. Quando stringe tra le braccia il piccolo Daniel per la prima volta si rende conto di non aver mai nemmeno immaginato le straordinarie implicazioni della paternità.

Sopraffatto dalle emozioni, decide di prendere in mano carta e penna per scrivere una lunga lettera al figlio, in cui possano trovare sfogo tutte le parole che gli affollano la mente. E si mette completamente a nudo, raccontando pagine della sua esistenza che non ha mai condiviso con nessuno: la sua infanzia in Perù, il primo amore, la passione per il mare. Svela i suoi sogni più intimi, le ambizioni più nascoste, le speranze più segrete.

Con onestà, rievoca anche le paure, gli errori, e le lezioni imparate a caro prezzo. Il risultato è il dono più prezioso che un padre possa fare al suo bambino: una mappa per affrontare il viaggio più importante, quello verso la felicità. Gli unici bagagli indispensabili sono l’ottimismo, coraggio e tanta voglia di libertà.
Rimanendo fedele allo stile semplice e poetico che lo ha reso celebre, l’autore de Il delfino parla per la prima volta della meravigliosa esperienza che gli ha cambiato la vita, regalandoci un messaggio d’amore intenso e dolcissimo, che va dritto al cuore.

I PASSI PIÙ BELLI:

Non dimenticare mai che l’amore che provo per te
è come il vento: non potrai mai vederlo,
ma potrai sempre sentirlo… Ovunque sarai

La vita è breve…
Perdona in fretta, bacia lentamente,
ama davvero, ridi sempre di gusto…
E non pentirti mai di qualsiasi cosa
ti abbia fatto sorridere, oppure piangere.

Se cadi, rialzati, affronta le avversità
e trova sempre il coraggio di proseguire.
Fai della tua esistenza qualcosa di spettacolare.

La sola battaglia che non puoi vincere
è quella che non vuoi combattere.

Se ti fidi dei tuoi istinti e accetti la vita così com’è,
un giorno sarai in grado di trovare la pace
non solo nei momenti più felici,
ma anche nelle occasioni in cui il gioco si fa duro.
Perchè il segreto è semplice: è tutto nella nostra testa,
la realtà è una condizione mentale, null’altro.

Abbandona il tuo guscio di certezze, esci dal coro:
parti, va’ lontano. Abbatti tutte le pareti
che hai innalzato intorno a te. Sii libero,
lascia che il tuo spirito voli verso il tuo destino.

Posso confidarti un segreto?
Non importa quanti anni vivrai, ma come li vivrai.

Dai valore al tuo tempo. Se in futuro, per esempio, ti troverai a percorrere giorno dopo giorno il tragitto casa-ufficio al volante di un’auto, con gli occhi incollati sulla distesa d’asfalto di fronte a te, trova ogni tanto il coraggio di spezzare la routine e ritagliati un istante per goderti le piccole meraviglie della Natura: soffermati ad ammirare un tramonto, stupisciti davanti al volo di un colibrì…

Puoi sentirti vecchio pur essendo soltanto un ragazzino
se non vivi un giorno per volta, se smetti di sognare,
se vendi il tuo spirito in cambio
del conforto della sicurezza.

Sono nato il 1° dicembre 1960 a Lima, in Perù, e già dalla più tenera età ero affascinato dall’oceano. Questa passione mi avrebbe influenzato per il resto della vita, portandomi inaspettatamente a diventare uno scrittore.
Dopo il liceo inglese, il mio desiderio di avventura mi ha condotto in America, dove mi sono laureato in Ingegneria Chimica alla Texas A&M University.
L’oceano è rimasto però il mio più grande amore, e i viaggi mi hanno consentito di praticare il surf in posti straordinari: America Centrale, Messico, California, Cile e Perù.
Dopo un breve periodo di permanenza in Perù, ho deciso di emigrare a Sydney, in Australia, dove ho lavorato come direttore vendite; sono riuscito comunque a spostarmi nel Sud-est Asiatico e lungo le coste africane alla ricerca dell’onda perfetta. Luoghi leggendari come Bali, Nias, la baia di Jeffrey, Agadir in Marocco e le Filippine, oltre all’Australia e alla Nuova Zelanda, hanno fatto parte del mio peregrinare con la tavola da surf al seguito.
Dopo parecchi anni vissuti in Australia, mi sono concesso una pausa e mi sono diretto alla volta dell’Europa, sempre in cerca dell’onda perfetta.
È stato in Portogallo, in una meravigliosa spiaggia circondata da foreste di pini chiamata Guincho, che ho scoperto il significato profondo dell’esistenza e ho trovato un amico davvero speciale: un delfino solitario che mi ha ispirato il mio primo romanzo: Il Delfino.
Tornato a Sydney, ho ricevuto un’offerta da Random House Australia per la pubblicazione del libro. Tuttavia, rendendomi conto che i cambiamenti che l’editore voleva apportare al manoscritto avrebbero stravolto l’essenza e il messaggio stesso del libro, ho rifiutato l’offerta e ho deciso di pubblicare il volume a mie spese. Era il 1996.
Improvvisamente ogni cosa è cambiata nella mia vita. In Australia Il Delfino ha venduto più di 60.000 copie. Il sogno di diventare uno scrittore stava finalmente per trasformarsi in realtà. Attualmente Il Delfino è stato tradotto in più di 25 lingue comprese il russo, il cantonese e lo slovacco. In Germania è stato nella lista dei best-seller per più di 70 settimane.
Lo stesso è avvenuto in America Latina e in Italia – dove i miei libri hanno venduto un milione di copie. Il Delfino, L’onda perfetta, Vela bianca, Serena, Il guardiano del faro, Stella e Il vento dell’oceano (pubblicati in Italia da Sperling & Kupfer), sono stati tradotti in diverse lingue, e tutti, ancora una volta, sono entrati nelle classifiche dei best-seller in molti paesi.
La conoscenza dell’ambiente marino e la volontà di salvaguardare i cetacei, mi hanno reso vice-presidente dell’Organizzazione Ecologica Mundo Azul (Blue World), e mi hanno spinto a viaggiare continuamente, nello sforzo costante di preservare gli oceani e le creature che li abitano.
Attualmente vivo a Lima dove pratico il surf circondato da delfini dai quali traggo ispirazione per i miei scritti. Ho deciso di seguire questo principio nella vita: “Non lasciare che le tue paure ostacolino la strada dei tuoi sogni”.

Sergio Bambarén (dal suo sito ufficiale)

CUORE DI GABBIANO

Il tuo cuore è un gabbiano
che vola libero nei cieli della vita.
Lascialo andare senza paura
ti saprà condurre alla felicità.
Finchè ascolti il tuo cuore
fai di tutto per essere felice,
sei tu a condurre il gioco
con le regole che tu stesso ti sei dato.
Credi alla forza dei tuoi sogni
e loro diventeranno realtà.

Sergio Bambarèn